Notizie

REVISIONI PIU’ SEMPLICI

Scritto il 11 Novembre 2021 | 0 commenti

REVISIONI PIU’ SEMPLICI

Comunicato stampa n. 53 10/11/2021 SVOLTA PER I VEICOLI STORICI: REVISIONI PIÙ SEMPLICI Dal 20 novembre è diventato più facile revisionare un veicolo di interesse storico e collezionistico immatricolato entro il 1° gennaio 1960. Ora, infatti, è possibile presentarlo in qualsiasi officina autorizzata e non più, come avveniva in precedenza, solo nei centri provinciali della Motorizzazione Civile. In questo modo il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile è venuto incontro alle richieste del mondo dei collezionisti e dell’Automotoclub Storico Italiano, che rappresenta la più grande associazione di settore: lo spostamento, spesso per diversi chilometri, di un veicolo ultra-cinquantennale non è sempre di facile gestione. D’ora in avanti, inoltre, occorre rivolgersi presso le sedi provinciali della Motorizzazione solo se il mezzo storico non può affrontare le prove sui rulli dinamometrici delle normali officine. In questo caso, i controlli della frenata si svolgeranno con l’uso di un dispositivo GPS ed il veicolo alla velocità di almeno 40 chilometri orari per calcolare una decelerazione superiore a 4,5 metri al secondo. Non solo. Nel nuovo decreto è stata inserita anche la deroga al controllo delle emissioni per i veicoli costruiti prima del 4 agosto 1971. “Si conclude un lungo percorso – spiega Alberto Scuro, presidente ASI – che la nostra associazione stava portando avanti da anni con la collaborazione della Motorizzazione. L’emanazione del provvedimento, già previsto e dettagliato a fine 2019, è arrivata finalmente alla firma del Ministro Enrico Giovannini. I veicoli storici costituiscono un patrimonio culturale da promuovere, difendere e tutelare. Ridurre la burocrazia e semplificare le procedure per mettere in regola la propria auto o la propria moto classica vale più di incentivi economici”....

approfondisci

RISOLUZIONE n. 1/2021. Veicoli storici – Nuove modalità per ottenere l’esenzione dal pagamento della tassa automobilistica

Scritto il 10 Novembre 2021 | 0 commenti

RISOLUZIONE n. 1/2021. Veicoli storici – Nuove modalità per ottenere l’esenzione dal pagamento della tassa automobilistica

  RISOLUZIONE+N.+1-2021+-+VEICOLI+STORICI (2)   Oggetto : RISOLUZIONE n. 1/2021. Veicoli storici – Nuove modalità per ottenere l’esenzione dal pagamento della tassa automobilistica  L’art. 9, comma 1, lett. c), della l.r. 6 agosto 2021, n. 15, ha novellato, integralmente, il comma 4 dell’art. 48 della l.r. 14 luglio 2003, n. 10, relativamente alle modalità per ottenere l’esenzione dal pagamento della tassa automobilistica per i veicoli storici individuati ai sensi dell’art. 1, comma 1048, della legge 30 dicembre 2018, n. 145.  Referente per l’istruttoria della pratica: GABRIELE LIOTTA Tel. 02/6765.8116 Il legislatore regionale ha voluto semplificare le procedure per il riconoscimento di tale beneficio, facendo sinergia con le vigenti norme statali che prevedono la riduzione del 50% della tassa auto per i veicoli tra 20 e 29 anni dalla costruzione, a condizione che il relativo certificato di rilevanza storica venga annotato sulla carta di circolazione. In Regione Lombardia, in presenza di tale certificato, permane l’esenzione totale dal pagamento della tassa automobilistica a partire da 20 anni dalla costruzione del veicolo e, in un’ottica di semplificazione, dal 1° gennaio 2022, gli interessati non dovranno più presentare apposita istanza alla Regione Lombardia ma sarà sufficiente far annotare sulla Carta di circolazione il Certificato di Rilevanza Storica, con le modalità previste dall’art. 1, comma 1048, della legge 30 dicembre 2018, n. 145. Il sistema informativo della Motorizzazione comunicherà all’archivio nazionale e, quindi, alla Regione Lombardia l’avvenuta annotazione con effetto dal periodo d’imposta successivo a quello in corso alla data della relativa registrazione. Pertanto, dal 1° gennaio 2022, non saranno prese in considerazione richieste di esenzione presentate in modo difforme da quello sopra descritto (annotazione sulla carta di circolazione del CRS secondo le modalità previste dall’art. 1, comma 1048, della legge 30 dicembre 2018, n. 145) salvo quanto stabilito con la Risoluzione n. 1/2019, per i veicoli ultratrentennali non adibiti ad uso professionale ed al relativo regime fiscale e per i quali non sia possibile effettuare l’annotazione. L’annotazione sulla carta di circolazione assume carattere permanente in quanto riferita al veicolo e, pertanto, produrrà effetti anche in caso di successivi passaggi di proprietà. Non sarà più necessario comunicare la variazione soggettiva a Regione. Trattandosi di norma più favorevole, le annotazioni dei Certificati di Rilevanza Storica sulla carta di circolazione avvenute prima del 1° gennaio 2022 sono acquisiste all’archivio regionale della tassa automobilistica e producono effetti da quella data di registrazione. Relativamente alle esenzioni riconosciute fino al 31 dicembre 2021, le stesse mantengono validità fino ad eventuale passaggio di proprietà del veicolo esente. In tal caso, infatti, il nuovo proprietario per conservare l’esenzione dovrà procedere con l’annotazione del CRS sulla carta di circolazione. IL DIRIGENTE U.O. Tutela della Entrate Tributarie Regionali MICHELE COLOSIMO Copia analogica sottoscritta con firma a mezzo stampa predisposta secondo l’articolo 3 del D.lgs 39/1993 e l’articolo 3bis, comma 4bis del Codice dell’amministrazione digitale. Il documento originale è firmato digitalmente e conservato presso l’Ente. Referente per l’istruttoria della pratica: GABRIELE LIOTTA Tel....

approfondisci

REGOLAMENTO RILASCIO CRS

Scritto il 10 Novembre 2020 | 2 commenti

REGOLAMENTO RILASCIO CRS

  REGOLAMENTO RILASCIO...

approfondisci